Digitalizzazione: come si evolve il ruolo del CIO

La digitalizzazione e l’innovazione tecnologica stanno rivoluzionando il ruolo del CIO. Questo quanto emerge da una recente indagine Gartner, effettuata su più di 3.000 CIO, provenienti da 98 nazioni diverse e da svariati settori industriali.

CIO: da distributore di servizi a protagonista del cambiamento

La metamorfosi del ruolo del CIO è già in atto, e a chi ricopre questo ruolo viene richiesto di diventare un leader del cambiamento e di sostenere responsabilità crescenti e sempre più trasversali, come la gestione dell’innovazione.

“Il ruolo del CIO deve crescere e orientarsi verso la diffusione di attività digitali e tecnologie innovative, tra le quali macchine intelligenti e analytics avanzati”, ha dichiarato Andy Rowsell-Jones, vice presidente di Gartner. “La distribuzione di servizi IT rimane tra le responsabilità del CIO, ma c’è una maggiore enfasi sul raggiungimento di una serie molto più ampia di obiettivi di business”.

Innovazione e trasformazione: le nuove aree di sviluppo del ruolo del CIO

Nelle aziende dove il passaggio alla digitalizzazione è ormai una realtà concreta, i CIO sono sempre più focalizzati verso gli obiettivi di business. Sono perciò valutati maggiormente sui servizi che riescono ad integrare, piuttosto che dal punto vista legato ai tradizionali confini di distribuzione di servizi.

E’ una questione di competenze

Non tutte le tecnologie che stanno prendendo piede nella realtà quotidiana, sono però sempre così semplici e immediate da assimilare, ma alcune necessitano dell’acquisizione di nuove conoscenze.
Il CIO diventa quindi, grazie alla digitalizzazione, parte integrante e di connessione per lo sviluppo di una nuova solida realtà, costituita da dati sicuri e flussi di informazioni condivisi, che consentono di apportare a tutte le informazioni aziendali un nuovo e determinante valore aggiunto.

E la tua azienda è al passo con le nuove tecnologie? Riesce a far fluire in modo semplice ed immediato le informazioni e i dati aziendali?

Possiamo supportarti con una consulenza dedicata e dimostrarti come una gestione ottimizzata delle informazioni e dei processi può migliorare la qualità del tuo lavoro quotidiano.

Fonte dell’articolo: cwi.it

Sei curioso di capire come PRO.FILE potrebbe collocarsi all’interno della tua realtà aziendale, e come potremmo collaborare insieme?

Approfondiremo gli argomenti di tuo interesse, o fisseremo una demo di prodotto realizzata specificatamente per la tua realtà aziendale !

Trasformazione digitale: il principale ostacolo è la resistenza al cambiamento

Le difficoltà delle medie imprese europee

Analizzando i risultati di una ricerca commissionata da Ricoh e condotta da Censuswide ad inizio 2017, si evidenzia che tra le medie imprese europee

  • il 95% si attende significativi vantaggi dal processo di digitalizzazione.
  • oltre il 50% ritiene che la digital transformation sia fondamentale per superare alcuni ostacoli alla crescita.

tuttavia

  • il 91% soffre della cosiddetta “sindrome del figlio di mezzo”: ritiene infatti che tale processo -inevitabile- sia molto più difficoltoso per loro rispetto alle grandi aziende (che hanno risorse finanziarie per assumere risorse dotate di competenze specifiche in materia) e alle piccole imprese e start-up che sono più agili, flessibili e aperte a cogliere le nuove opportunità della digitalizzazione.

Nonostante tutto però il 94% di esse ha già implementato software e soluzioni specifici per attuare la digital transformation e per migliorare i processi interni.

I principali ostacoli alla Digital Transformation

Se però ampliamo l’orizzonte alle imprese europee di ogni dimensione e valutiamo una seconda ricerca, commissionata da Cornerstone OnDemand e condotta da IDC sul ruolo delle HR nella trasformazione digitale all’interno delle Aziende, emerge che l’ostacolo principale per la maggior parte di loro è la resistenza delle persone al cambiamento.

Ogni trasformazione, anche digitale, comporta radicali cambiamenti di tipo organizzativo nel modo di intendere il lavoro e non tutti, sia per propria indole personale che per anzianità di servizio, sono pronti o aperti a valutare questo processo come una opportunità: in Italia la resistenza culturale al cambiamento è per il 46% il principale ostacolo alla trasformazione digitale. Il cambiamento deve divenire una accettazione condivisa (e quindi guidata da impegno e motivazione) e non una accettazione passiva.

A seguire, gli altri 4 principali ostacoli sono:

1. Mancanza di vision da parte della leadership: 29%

2. Risorse finanziarie insufficienti: 29%.
Ma se questo fosse solo un alibi?

3. Difficoltà a conservare i migliori talenti: 27%
I sistemi di Human Capital Management sono indispensabili: incentivi e orientamento alle performance sono necessari per trattenere in azienda proprio quelle risorse più innovative in grado di guidare la trasformazione digitale.

4. Mancanza di innovazione interna: 27%
In questo caso occorre guadagnarsi la fiducia di tutte le aree aziendali coinvolgendo sempre di più i dipendenti in questi processi di notevole rilevanza strategica.

Il ruolo delle HR in questo processo

Il ruolo delle HR è fondamentale, se non indispensabile, in simili contesti: non solo far comprendere la portata del cambiamento in atto, ma anche promuovere attivamente il lavoro flessibile che le iniziative IT possono implicare. In Italia l’81% delle aziende intervistate afferma di poter accedere a dati e applicazioni aziendali anche da remoto, mentre solo il 61% riferisce di poter svolgere del tutto o in parte il proprio lavoro mediante smartphone e tablet.
Ecco che la digital transformation non è solo compito del team IT ma anche della funzione HR: le due funzioni, affiancandosi e lavorando a stretto contatto, possono garantire il successo dei progetti di trasformazione digitale all’interno di tutte le altre funzioni aziendali.

Bo Lykkegaard, Associate Vice President di IDC Software and European Enterprise Applications

“La trasformazione digitale è oggi una priorità assoluta per le aziende. Una trasformazione di successo richiede cambiamenti importanti nella gestione, nella formazione e nello sviluppo della forza lavoro. È richiesto, inoltre, un grande sforzo a livello di comunicazione interna, change management e, da parte dei manager di linea, un maggiore riconoscimento del fondamentale ruolo svolto dai responsabili HR in questo processo”.

Stampare meno carta non è l’obiettivo principale, ma solo il prodotto di una rivoluzione più ampia e di un profondo cambio organizzativo che fa parte della digital transformation.

Stai cercando un partner che sia in grado di seguirti in tutto questo percorso proponendoti una soluzione aziendale per gestire l’informazione a 360 gradiScopri CADTEC e scopri come gestire con ordine e efficacemente tutta l’informazione aziendale.

Fonti dell’articolo:
sito web cwi.it
sito web cornerstoneondemand.it

Sei curioso di capire come PRO.FILE potrebbe collocarsi all’interno della tua realtà aziendale, e come potremmo collaborare insieme?

Approfondiremo gli argomenti di tuo interesse, o fisseremo una demo di prodotto realizzata specificatamente per la tua realtà aziendale !

Digital transformation: i 4 elementi strategici

La trasformazione digitale porta con sé innumerevoli vantaggi, ma la transizione non é propriamente semplice ed immediata.
Negli ultimi due anni, il 25% delle aziende che hanno intrapreso un percorso di cambiamento verso una digitalizzazione più estesa, ha abbandonato il progetto, nonostante la consapevolezza delle grosse perdite che sarebbero derivate da questo passo a ritroso.

L’indagine PACT di Fujitsu

La ricerca della principale società Giapponese di ICT, denominata “The Digital Transformation PACT” dà risalto ad un punto cruciale: il successo di un percorso di trasformazione digitale si basa sul mix ottimale di quattro elementi strategici, Persone – Azioni – Collaborazione – Tecnologia (da qui l’acronimo PACT).

La sola tecnologia non basta, è l’accesso alle competenze digitali da parte delle persone  il punto di partenza.

Varie le tipologie di aziende di medie e grandi dimensioni coinvolte, e alquanto univoco il dato emerso. La digital transformation trova la maggiore difficoltà nell’attuazione pratica, in quanto le aziende che avviano progetti di questo genere, stentano poi a farli decollare.

Per concretizzare la trasformazione digitale ci vuole ben più della nuova tecnologia

Molteplici, come già detto, i fattori che concorrono alla trasformazione digitale. Imprescindibili per dare il via a questo percorso, sono l’aspetto economico e le competenze digitali, dove spesso emerge una carenza da colmare assolutamente quanto prima.

Per la buona riuscita del processo entra poi in gioco la capacità di adattamento all’intelligenza artificiale.

I progetti digitali devono essere integrati alla strategia di business complessiva

Le aziende sono molto propense a questa trasformazione, e hanno per lo più una strategia digitale ben definita.
Una grossa fascia di utenti, consapevoli del fatto che questa trasformazione sia un passaggio positivo dovuto, è altrettanto convinto che progetti di questa portata non siano sempre allineati con la strategia di business aziendali, visto che si trovano spesso dissuasi dall’ intraprendere questo percorso che sembra intimorire molti.  Paura del cambiamento?

Molto sta nel riuscire a superare le difficoltà iniziali, superato questo ostacolo 4 PMI su 5, riscontrano dei benefici tangibili dopo aver intrapreso un percorso di trasformazione digitale.
Le nuove tecnologie hanno un
 grossissimo potenziale, che spesso non si riesce ad utilizzare appieno, meno del 7% delle aziende infatti, è andato finora oltre un primo livello di integrazione, riuscendo ad utilizzare in tempo reale le informazioni per l’ottimizzazione dei processi e dei flussi di lavoro.

Pertanto, nonostante la perfetta consapevolezza che la trasformazione tecnologica ci semplificherà di molto la vita lavorativa, permettendo una condivisione ed uno scambio di tutte le informazioni in maniera semplice e immediata, manca solo l’audacia, a volte la volontà di fare un passo in avanti senza temere di cadere nel vuoto.

Vuoi approfondire l’argomento?

Noi come Cadtec, possiamo supportarti dandoti alcune informazioni, o maggiori delucidazioni per poter valutare di intraprendere questo percorso, cominciando a considerare alcuni strumenti, come ad esempio un gestore documentale, che potrebbero agevolare il tuo lavoro quotidiano e quello dei tuoi collaboratori.

Siamo a disposizione per discutere insieme delle opportunità della digital transformation e dei benefici che può ottenere la tua azienda.

Fonte dell’articolo: Industria italiana

Sei curioso di capire come PRO.FILE potrebbe collocarsi all’interno della tua realtà aziendale, e come potremmo collaborare insieme?

Approfondiremo gli argomenti di tuo interesse, o fisseremo una demo di prodotto realizzata specificatamente per la tua realtà aziendale !